/ Maggio 28, 2019

Livelli di gradimento alti per il corso di formazione di affido familiare tenuto da Azienda So.Le da febbraio ad aprile. Le valutazioni dei ventiquattro partecipanti, in una scala da uno a cinque, sono state tutte comprese nella fascia più alta (4-5) e hanno riguardato l’importanza del percorso di formazione, la qualità dell’evento, la sua utilità e l’incremento del livello di competenza. Particolarità di questa edizione del corso è stata l’apertura a contributi esterni nel ruolo di relatori. Ad affiancare l’assistente sociale Serena Granato e la psicologa Federica Forte in un modulo della formazione sono state le operatrici del Centro Adozioni Il Cerchio di Baranzate. Il loro intervento in un corso sugli affidi voleva presentare ai frequentanti del corso un’altra modalità di accoglienza dei minori in famiglia, quella dell’adozione appunto. Nell’ultimo modulo del corso, tenutosi nell’oratorio di Rescalda relatrici sono state invece le famiglie dell’associazione Affidandoci, che da tempo collabora con Azienda So.Le. « È stata una serata molto partecipata quella tenuta da noi affidatari –riferisce i presidente di Affidandoci Fabio Giaquinto. Non ci sono stati discorsi teorici, ma la presentazione di esperienze concrete alle famiglie che potrebbero diventare un giorno affidatarie. Oltre a raccontare le nostre storie, abbiamo mostrato dei video e portato altri contributi per sottolineare i momenti importanti dell’affido, il primo contatto con il minore, la presentazione della famiglia, l’insorgere di qualche problema, i rapporti con la famiglia d’origine e il momento del distacco. Questa interazione con i corsisti ha dato buoni risultati visto che alcune famiglie si sono presentate alla serata organizzata per l’assemblea dei soci in occasione dell’anniversario della fondazione dell’associazione».  A seguito del corso è già partito il percorso di conoscenza e valutazione con il team di So.Le per cinque coppie e un single interessati a diventare affidatari. E da giugno riprenderà la serie di serate informative nei Comuni.

Share this Post