/ Ottobre 17, 2019

I Comuni del legnanese, in coerenza con il programma per le politiche sociali avviato nell’ambito dell’attuale Piano di Zona, hanno deciso di condividere strategie, obiettivi e risorse per far fronte alla grave emergenza abitativa, che sta interessando l’intero territorio.

La domanda delle famiglie, soggette a provvedimenti di sfratto o di rilascio dell’abitazione, non potendo essere soddisfatta con le attuali risorse abitative pubbliche, richiede nelle situazioni di emergenza, l’attuazione di interventi straordinari da parte delle Amministrazioni comunali a tutela dei soggetti fragili.

A supporto delle Amministrazioni comunali è intervenuta Regione Lombardia approvando, per l’anno 2019 con DGR n. X/2065 del 31 Luglio 2019 le linee guida e le misure regionali a sostegno degli interventi per il contenimento dell’emergenza abitativa e il mantenimento dell’alloggio in locazione.

L’ambito territoriale di riferimento per la realizzazione delle misure regionali è quello distrettuale. Fra le diverse misure previste dalla sopracitata DGR, l’Ambito territoriale del Legnanese ha ritenuto particolarmente rilevante, ponendola a bando:

LA MISURA 5 – finalizzata ad incrementare il numero di alloggi di privati in locazione a canone concordato o comunque a canone inferiore al mercato, tramite un contributo ai proprietari, per la sistemazione e la messa a disposizione degli alloggi sfitti.

 

ATTIVITA’ PREVISTE

 Erogazione di un contributo A FONDO PERDUTO al proprietario, a scomputo di spese per la realizzazione di interventi di sistemazione, manutenzione e messa a norma dell’alloggio sfitto, previa sottoscrizione di un accordo tra le parti, in modo da favorire la mobilità locativa di nuclei familiari in difficoltà sul libero mercato.

L’Ambito distrettuale del legnanese, attraverso l’Agenzia per la locazione dell’Azienda consortile So.Le.,in forza della partecipazione al presente avviso, promuoverà accordi con i proprietari disposti a mettere a disposizione alloggi per la locazione, al fine di garantire una sistemazione temporanea o stabile a cittadini in emergenza abitativa.

Secondo gli accordi:

  • Gli alloggi dovranno essere messi a disposizione entro un massimo di sei mesi dalla data di sottoscrizione dell’accordo e per un periodo di almeno tre anni;
  • Il contratto di locazione deve essere stipulato a canone concordato (L. 431/1998) o comunque inferiore al libero mercato.
  • I nuclei familiari cui affittare l’alloggio dovranno essere in possesso di un ISEE inferiore a € 26.000;
  • Tali nuclei potranno essere indicati dai Comuni dell’Ambito.

REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE

Essere proprietari di alloggi (o averne la piena disponibilità) sfitti, accatastati come civile abitazione.

I proprietari di abitazioni civili sfitte, disponibili a locare a canone concordato ai sensi della L. 431/98 potranno beneficiare di contributi per la sistemazione, manutenzione e messa a norma degli alloggi offerti, nonché delle misure a sostegno dei proprietari e inquilini per le locazioni a canone concordato o calmierato approvate dall’ambito distrettuale del legnanese per la mobilità abitativa.

RISORSE MESSE A DISPOSIZIONE DALL’AMBITO

L’Ambito distrettuale del legnanese mette a disposizione per il finanziamento della MISURA 5 € 27.366,95, ci cui € 22.366,95 tramite la DGR 606/18 e € 5.000,00 tramite la DGR 2065/19, con un massimale di contributo pari a € 5.000,00 ad alloggio, a titolo di rimborso.

Le domande saranno accettate in base all’ordine di arrivo e fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

I proprietari di alloggio interessati a partecipare al bando dovranno presentare la domanda di partecipazione presso l’Agenzia della Locazione – Azienda So.Le in Via XX Settembre 30 a Legnano – Edificio A6, a partire dal giorno 22/10/2019, esclusivamente nei giorni di apertura dell’Agenzia (il martedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00 e il venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00).

La domanda di partecipazione (allegato B), dovrà essere corredata da:

  • autocertificazione (allegato C) in merito alla proprietà dell’immobile proposto alla locazione, della descrizione delle caratteristiche dell’alloggio (ubicazione, dimensione, vetustà, …) e della durata del contratto di locazione,
  • progetto di recupero, manutenzione o messa a norma che s’intende realizzare, – preventivo di massima della spesa.

La modulistica è disponibile sul sito internet www.ascsole.ite sui siti istituzionali dei Comuni dell’Ambito.Nel caso di accoglimento della domanda dovrà essere prodotto il preventivo definitivo delle spese.

Il contributo sarà erogato a seguito di stipula dell’accordo tra le parti, del relativo contratto di locazione e di presentazione delle fatture degli avvenuti lavori.

Allegati

Share this Post